I 7 Chakra: “I vortici di energia”

I vortici di energia

Il corpo ha sette centri energetici che potrebbero chiamarsi vortici. Gli Indù li chiamano chakra. Sono campi elettrici potenti, invisibili a occhio nudo, tuttavia assolutamente reali. Ciascuno dei sette vortici ha il proprio centro in una delle sette ghiandole a secrezioni interna del sistema endocrino corporeo e ha la funzione di stimolare la produzione ormonale della ghiandola. Sono gli ormoni a regolare tutte le funzioni del corpo, incluso il processo di invecchiamento.

Quello inferiore, o primo vortice, è situato sulle ghiandole riproduttive. Il secondo si localizza nel pancreas, nella regione addominale. Il terzo si accentra nella ghiandole surrenali nella regione del plesso solare. Il quarto vortice ha il proprio centro nella ghiandola del timo situata nel petto, o regione del cuore. Il quinto è posto nella ghiandola tiroide che si trova nel collo. Il sesto ha sede nella ghiandola pineale alla base posteriore del cervello.

In un corpo in buona salute, ognuno di questi vortici ruota a grande velocità. In questi modo consente al Prana di scorrere verso l’alto grazie al sistema endocrino.

Quando uno o più di questi chakra rallenta il suo movimento, l’energia vitale si blocca. Cosi il corpo inizia a invecchiare o si determina uno squilibrio energetico e quindi la malattia.

In un individuo giovane e sano i vortici rotanti si estendono dall’interno, ma negli individui deboli o malati oppure in quelli vecchi non sempre riescono a raggiungere la superficie.

La soluzione è talmente semplice da apparire ovvia: il modo più rapido per riacquistare giovinezza, salute e vitalità e quello di avviare il normale movimento rotatorio dei chakra. Un risultato che, considerando la saggezza dei monaci tibetani di un isolato monastero, si può ottenere con cinque semplici esercizi “Ciascuno di essi, preso a sé, e efficace, ma sono necessari tutti e cinque per ottenere i migliori risultati, In realtà, non sono esercizi veri e propri, il Lama li chiama “Riti”.

Aprirsi alla gioia

Quando i chakra sono chiusi l’individuo stesso e chiuso, non e in grado di fare e entrare dentro di sé l’Energia Universale che lo sostiene. In tali condizioni non ricevendo energia, forza e amore da tutto ciò che li circonda, non può essere felice e sentirsi bene. Aprire i chakra significa aprirsi alla Gioia di cui e costituito l’Universo ed essere in comunione con il Tutto. Nel corpo fisico tutti i chakra tranne il sesto e il settimo trovano lungo la colonna vertebrale, in corrispondenza dei gangli spinali; ogni chakra ha un organo al plesso corrispondente, che coincide con la zona del corpo a cui tale chakra presiede, e un punto di concentrazione, cioè un punto nel quale è consigliabile portare l’attenzione per percepire i chakra. Per esempio, per il sesto chakra il punto di concentrazione è il centro della sopracciglia.

Leggi anche : Dall’Energia Prana alla lettura Aura

Maurizio Bagno

Ricerche e immagini fonte web

Seguici anche sulla Pagina Facebook e clicca Mi Piace per sostenerci

LETTURA ANGELICA

Sistema di Terapia dei Quattro Arcangeli

Numerologia, Carta Numerologica e Tema Numerologico

POTENZIAMENTO DELL’ARC. RAFFAELE E DEL PENTAGRAMMA DEGLI ANGELI DELL’ABBONDANZA

POTENZIAMENTO LUCE DELLA PROSPERITÀ’ CON L’ARCANGELO MICHELE

 POTENZIAMENTO PER LA PIENA FIORITURA DELLA MANIFESTA

POTENZIAMENTO PER I LEGAMI

TELEPATIK -TELEKINETIC REIKI

INIZIAZIONE

RITUALI ANGELICI

REGRESSIONE VITE PASSATE

Corsi individuali di crescita spirituale

Salva

Salva

Precedente Messaggio Angelico del 15 febbraio Successivo I messaggi delle Fate "Guarda il futuro con speranza e ottimismo"