Primo Rito Tibetano “Tecnica e Posizioni”

Primo Rito Tibetano

Tecnica e Posizioni

Il primo Rito è molto semplice. La sua funzione è quella di accelerare la velocità dei vortici energetici dei chakra. Un ulteriore consiglio per raggiungere una maggiore stabilità emotiva, l’esercizio di rotazione può essere eseguito anche a fine degli altri quattro.

Esercizi

Fase 1

Mettetevi in posizione eretta, con i piedi leggermente staccati

Fase 2

Allargate le braccia portandole in posizione orizzontali rispetto al pavimento. Poi ruotate tutto il corpo incominciando da sinistra.

Fase 3

Completare la rotazione in senso orario, regolate la respirazione durante la rotazione

Frasi da ripetere nel corso del primo rito:

Sto respirando profondamente, lentamente e con molta tranquillità.
Sono Luce, Amore.
Sono sempre consapevole dei miei movimenti.

A ogni respiro ricevo una nuova energia
Sono forza in ogni momento
In ogni momento sono io che creo la mia vita

Sono puro spirito.
Il mio corpo diventa più leggero.
Col respiro unifico la mente, il corpo e lo spirito.

Lascio che il respiro trovi il suo ritmo naturale.
Abbandono ogni negatività.
Mi affido alla saggezza del mio corpo.

I miei movimenti seguono il respiro.
Sono in armonia col flusso della vita.
Sono sempre nel posto giusto nel momento giusto
e facendo ciò che è bene fare ottengo risultati positivi.

CHAKRA Stimolati: Tutti

Leggi anche: Secondo rito Tibetano

Nadia Aglianò

Seguici anche sulla Pagina Facebook e clicca Mi Piace per sostenerci

LETTURA ANGELICA

Sistema di Terapia dei Quattro Arcangeli

Numerologia, Carta Numerologica e Tema Numerologico

POTENZIAMENTO DELL’ARC. RAFFAELE E DEL PENTAGRAMMA DEGLI ANGELI DELL’ABBONDANZA

POTENZIAMENTO LUCE DELLA PROSPERITÀ’ CON L’ARCANGELO MICHELE

 POTENZIAMENTO PER LA PIENA FIORITURA DELLA MANIFESTA

POTENZIAMENTO PER I LEGAMI

TELEPATIK -TELEKINETIC REIKI

INIZIAZIONE

RITUALI ANGELICI

REGRESSIONE VITE PASSATE

Corsi individuali di crescita spirituale

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Precedente Messaggio Angelico del 30 marzo 2017 Successivo Test per l'emotività