Il Palo Santo

Il Palo Santo

Il nome significa “legno santo”, inoltre lo si è chiamato “quebracho” da parte dei colonizzatori spagnoli poichè, a causa della sua durezza, danneggiava l’ascia quando si cercava di tagliarlo. La descrizione botanica dell’albero di Palo Santo è avvenuta solamente nel 1824 a seguito di una spedizione tedesca nelle Americhe, ma esso era già conosciuto ed utilizzato da secoli da parte delle popolazioni sudamericane.
Cresce spontaneamente in America Centro-Meridionale e risulta coltivato in alcuni paesi, come Ecuador e Perù. La produzione di prodotti mediante il Palo Santo avviene nel rispetto dell’ambiente, e dell’albero: vengono utilizzati i legni caduti a terra naturalmente, e seccati nel corso degli anni. Infatti il caratteristico odore del palo santo è dato da mucillagini che ricoprono il legno a terra, inducendo una fermentazione naturale. Per ottenere il caratteristico odore naturale, i legni devono restare a terra dai 4 ai 10 anni. E’ proprio durante questo periodo che il legno matura la sua essenza raggiungendo le sue straordinarie proprietà.
L’uso del Palo Santo in Ecuador è tradizionalmente molto ampio. Nella visione tradizionale si usa contro la “mala energia” e la “planga blanca” (“Palo Santo para limpiar tu casa da la mala energia, Palo Santo para la buena suerte”), che possono essere riferite anche a malattie vere e proprie.
L´origine del Palo Santo è molto antica, è stato utilizzato dagli sciamani Inca nei loro rituali religiosi, spirituali, come strumento per portare buona fortuna, scongiurare eventuali segni di negatività, e come mezzo per ottenere una migliore comunicazione spirituale con i loro dèi.
Questo albero è anche presente nel rituale dei matrimoni indigeni. La coppia deve piantare una piantina di questo albero, in assenza di testimoni per legare i loro destini e perché l’unione possa durare per sempre.
E ´stato utilizzato per accendere fuochi sacri in rituali e cerimonie sacre, proteggendo così lo spazio in cui queste si svolgevano. È stato usato nei rituali per l’armonizzazione con gli elementi naturali fino al giorno d’oggi.
Ha un profumo sorprendentemente forte e dolce quando è bruciato, così il Palo Santo è usato come incenso. E’ considerato un albero con qualità medicinali. I suoi molteplici vantaggi rendono il Palo Santo un perfetto depuratore energetico, ciò a causa di sostanze come LIMONENE, principio attivo presente in una percentuale elevata nel tronco; il LIMONENE appartiene alla famiglia di solventi o acquaragia, che sono responsabili della purificazione, sia fisica che spirituale. L´aroma di Palo Santo è l´unico dolce e legnoso. Il profumo del Palo Santo ricorda una combinazione inebriante di dolce incenso, cedro atlas, erba dolce , limone, eucalipto e un tocco di menta.
Dal legno dell’albero di Palo Santo vengono ricavati bastoncini per incenso e un olio essenziale aromatico dalle numerose proprietà.

L’olio essenziale di Palo Santo è prodotto dal metabolismo della pianta e si presenta sotto forma di molecola odorosa, percepita attraverso l’olfatto. Viene utilizzato in aromaterapia in quanto considerato in grado di interagire con l’organismo a livello fisico, psico-emozionale e spirituale. In particolare viene impiegato:
1) Contro gli attacchi d’asma e in caso di allergia.
2) Per alleviare tosse e raffreddore.
3) Per placare l’ansia.
4) Contro il mal di testa.
5) Per la meditazione e il rilassamento psico-fisico.

L’incenso di Palo Santo, cioè il legnetto aromatico ricavato da questa pianta e adatto ad essere bruciato, viene utilizzato lasciandone bruciare l’estremità fino ad ottenere un po’ di brace e del fumo profumato. Ogni legnetto può essere utilizzato più volte, in particolare per:
1) Sprigionare una profumazione intensa e gradevole.
2) Allontanare le zanzare e gli insetti.
3) Inibire la diffusione dei cattivi odori e dei batteri.
4) Favorire la meditazione e il rilassamento.
5) Purificare gli ambienti dalle negatività.
E’ possibile trovare il legno di Palo Santo anche in versione “segatura” da bruciare su carboncino..

Fonte web: http://pietrediluna.forumfree.it

 

Seguici anche sulla Pagina Facebook e clicca Mi Piace per sostenerci

LETTURA ANGELICA

Sessione di Canalizzazione o Channelling

Sistema di Terapia dei Quattro Arcangeli

POTENZIAMENTO REIKI RILASCIO DEL KARMA

Numerologia, Carta Numerologica e Tema Numerologico

POTENZIAMENTO DELL’ARC. RAFFAELE E DEL PENTAGRAMMA DEGLI ANGELI DELL’ABBONDANZA

POTENZIAMENTO LUCE DELLA PROSPERITÀ’ CON L’ARCANGELO MICHELE

 POTENZIAMENTO PER LA PIENA FIORITURA DELLA MANIFESTA

POTENZIAMENTO PER I LEGAMI

Kundalini Reiki 2019

Telepathic – Telekinetic Reiki

Silver Violet Flame

Gold Reiki

 

 

Precedente Messaggio Angelico del 30 novembre Successivo I Tarocchi degli Angeli del 01/12/2017