L’OPERATORE OLISTICO

images

L’Operatore Olistico

Nell’approccio olistico ogni individuo è considerato diverso dall’altro e viene osservato e trattato nella propria interezza.

La malattia, quindi, è vista come uno squilibrio tra fattori sociali, personali ed economici, da un lato, e cause biologiche dallìaltro, in questo modo si cerca di mettere in armonia le dimensioni emotive, sociali, fisiche e spirituali della persona al fine di stimolarne il processo di guarigione.

per riassumere possiamo dire che:
– viene ascoltata la persona, non la malattia
– viene “ricercata e curata” la causa, non il sintomo
– viene osservata la persona nell’ambiente che ha intorno
. viene stimolata l’autoguarigione attraverso il “riequilibrio”.

Possiamo quindi definire l’operatore olistico semplicemente come un “facilitatore” della consapevolezza globale del Sè.

L’operatore olistico non è un terapista, non fa diagnosi e non cura malattie fisiche o psichiche, non prescrive medicine o rimedi e non si pone in conflitto con la medicina ufficiale e con la legge per l’abuso di professione medica.

ISTITUZIONE DELLa FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE IN DISCIPLINE BIO-NATURALI
PDL N. 0335
ART. 2 DEFINIZIONI E PRINCIPI

1) Per Discipline Bio-Naturali s’intendono quelle concezioni e pratiche, che hanno per finalità la promozione, la conservazione ed il ripristino dello stato di benessere e salute per il miglioramento della qualità della vita della persona, avvalendosi, a tale scopo, di metodi ed elementi naturali la cui efficacia è stata verificata dall’esperienza fattuale e storica, nei vari contesti culturali e geografici e che si fonda sul principio della necessaria armonia della persona con la natura, natura che ha cura dell’uomo. Su questo principio si innestano le peculiarità tipiche di ogni disciplina, ciascuna delle quali utilizza approcci, tecniche, strumenti, elementi e dinamiche originali e coerenti con il modello culturale da cui ha preso origine.

2) Per Operatore in Discipline Bio-Naturali s’intende la persona abilitata ad esercitare pubblicamente, sia in forma autonoma che in forma subordinata o parasubordinata, l’attività professionale inerente la disciplina, o le discipline, in cui abbia maturato specifica competenza.

Il nostro corpo parla con noi, di noi ed esprime come noi viviamo e stiamo nel mondo. La domanda è: siamo in grado di ascoltare? Stress, ansia, tensioni, rigidità, emotività, sonno ed umori instabili.
Le medicine procurano sicuramente un sollievo immediato ma momentaneo, è possibile stare meglio a volte anche solo con il tocco di una mano, con del calore, con pressioni, colori ed essenze, ecc. ecc.
Molto spesso chi adopera queste tecniche sugli altri è qualcuno che “un giorno” si è trovato “per caso, per scelta o per necessità” a provare su di se un metodo nuovo, una diversa tecnica al solo scopo di poter stare un pò meglio.

La magia non esiste e non esistono maghi e guaritori, ma questi metodi funzionano, sono sperimentati e studiati da decenni ormai. ma affinchè funzionino serve “costanza” e “volontà”. Nessuno può farci star bene se non siamo noi a sceglierlo e a volerlo davvero.

Ci sono svariate tecniche, ne elencherò qualcuna:
– Couseling
– Lettura evolutiva dei tarocchi
– Meditazione
– lavoro sui 7 Chakra
– Tecniche rilassanti
– Kinesiologia
_ Crescita personale
– Canalizzazione
– Regressione vite passate
– Tecniche di massaggi
e tanti altri.

Nei prossimi articoli approfondirò le tecniche.

Nadia Aglianò

Seguici anche sulla Pagina Facebook e clicca Mi Piace per Sostenerci

LETTUA ANGELICA

Fonti: Salute armonia & benessere
informazioni ed esperienze personali

Precedente I nostri comportamenti sono condizionati dai nostri stati d'animo Successivo IL COUNSELING